Droni: destinazione Ecomondo

2019-11-05T17:09:41+01:00 4 Novembre 2019|

COMUNICATO STAMPA | Milano, 04 novembre 2019 

Ultima tappa di Dronitaly Roadshow 2019 a Rimini il 6 novembre. Droni e loro applicazioni a sostegno della sostenibilità, per un’economia circolare.

L’implementazione dei droni nei campi della ricerca scientifica, delle energie rinnovabili, della geologia o dell’agricoltura è già una realtà che apre le porte ad un futuro pieno di possibilità, come quella di controllare lo stato di salute delle acque, la loro evoluzione biologica, di determinare le cause di fenomeni naturali o indotti dall’uomo e rendere precisa ed efficace la lotta agli inquinanti. Anche quando un laboratorio e un lago si trovano a migliaia di chilometri di distanza

Sono diversi i benefici che i droni portano nel campo della sostenibilità. In primo luogo, equipaggiati con videocamera sono uno strumento molto utile quando si sorvolano grandi terreni per acquisire con rapidità le immagini: colture agricole, aree forestali o controllo degli incendi.

In questo modo, operando dall’alto e in remoto, si ottiene l’immediata riduzione delle emissioni inquinanti derivanti invece dal controllo tradizionale operato via terra o via aria e si raggiunge più rapidamente un punto critico abbattendo i rischi associati all’emergenza.

I droni vengono utilizzati anche per studiare la qualità dell’aria, la concentrazione di polline o le caratteristiche dell’atmosfera. I dati raccolti dai droni vengono poi utilizzati per lanciare allarmi e sviluppare studi scientifici.

Un altro vantaggio deriva dall’utilizzo di droni in centrali solari e parchi eolici. Grazie agli UAV, i tecnici possono sorvolare impianti fotovoltaici e turbine eoliche per verificare guasti tecnici, perdite di materiale o malfunzionamenti senza spostare il personale su ogni elemento dell’impianto, risparmiando carburante e tempo.

L’approccio della tecnologia unmanned alla sostenibilità si declina in tanti altri modi, con sfumature che col tempo si fanno via via più dettagliate. Ecco allora che un drone potrà movimentare materiale per le costruzioni sostituendosi a mezzi pesanti e altamente inquinanti, o ancora, come già sperimentato, potrà levarsi in cielo e rilasciare materiale bio per la copertura di strutture adibite ad alloggi di emergenza.

A Ecomondo, Rimini 5/8 Novembre, verranno presentate esperienze e case history riguardanti l’utilizzo dei droni nella filiera della Green Technology nel corso di un networking lunch appositamente organizzato.

L’appuntamento, sponsorizzato da FAIRFLEET, importante realtà del comparto unmanned, è previsto per Mercoledì 6 Novembre dalle 13.00 alle 14.00 presso la Piazza delle Utilities, Pad. Acqua, a Ecomondo.

 Saluti introduttivi:

Renato Drusiani   Senior Advisor | Utilitalia

DRONI PER LA SOSTENIBILITÀ

Presentazione a cura di:

Ilaria Mantovani – Sales Area Manager Italia – FairFleet

Il comunicato stampa (PDF)