Drone 3D a idrogeno testato con successo

2019-10-24T09:38:13+02:00 24 Ottobre 2019|

Enass Abo-Hamed guida la rivoluzione green del volo

Stando a un comunicato stampa della britannica H2GO Power – società pionieristica nel campo delle tecnologie pulite – l’azienda avrebbe portato a termine il primo test di volo in assoluto di un drone stampato in 3D e alimentato a idrogeno, a fine agosto a Boston in collaborazione con la Ballard Power Systems.

Sono già diverse le aziende tecnologiche dedite allo sviluppo di UAV alimentati a celle a combustibili a idrogeno (leggi notizia meno recente QUI https://www.mirumir.it/record-mondiale-per-il-drone-ad-idrogeno/), tuttavia H2GO sembra essere il primo a vantare un drone con rotore stampato in 3D.

Nel caso della H2GO Power, la tecnologia applicata aumenta l’autonomia di volo di un drone fino a 90 minuti, rispetto ai poco meno di 25 minuti dei tipici sistemi di batterie agli ioni di litio. Il design all’avanguardia consente una riduzione di peso e di controllo del volume del drone fino al 15% – ottenuto grazie al metallo leggero stampato in 3D – così come la creazione di strutture interne che ottimizzano la gestione del calore dentro e fuori il sistema di alimentazione. Tutto ciò consente al drone di viaggiare da tre a cinque volte più lontano e di trasportare carichi utili più pesanti.

La Co-fondatrice e CEO di H2GO Power Enass Abo-Hamed ha sottolineato come questo sia “uno sviluppo estremamente entusiasmante per la nostra tecnologia e ci avvicina di più alla fornitura di energia pulita e sostenibile“, aggiungendo che il sistema di alimentazione a idrogeno genera “un accumulo di energia pulita, leggera, scalabile, con risparmi significativi e un’efficienza fino a cinque volte maggiore rispetto alle alternative esistenti“.

Enass Abo-Hamed, già tra gli Innovatori Europei Under 35 nominati “Visionary of the Year” nel 2017, è stata recentemente inserita fra le 100 donne più influenti in Europa nel campo dell’ingegneria dal Financial Times e a settembre la sua società è stata premiata a Milano con la “The Peres Heritage Initiative”, in occasione della 45° edizione del Forum annuale di The European House — Ambrosetti “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”.

Il premio è destinato a giovani imprenditori, attivisti, ricercatori o innovatori sociali sotto i 35 anni di età che si sono distinti per gli eccellenti risultati raggiunti in uno dei seguenti ambiti: promozione della pace, green economy ed economia sostenibile/circolare, modelli di business inclusivo, settore no-profit, innovazione e sviluppo scientifico, innovazione sociale.