Droni per l’analisi dei condomini

2019-03-14T12:31:42+00:00 7 Marzo 2019|

A Dronitaly 2019 il Convegno promosso da FIAPR, Confabitare e Confamministrare

Droni per l’analisi dell’involucro edilizio di condomini e supercondomini

Sala Chagall, Venerdì 5 aprile 2019 h. 09.30 - 12.30

Di recente, in occasione dei 90 anni del Consiglio Nazionale dei Geometri, il Presidente Maurizio Savoncelli, in un’intervita al Sole 24 Ore (11 febbraio, Federica Micardi) ha voluto fare il punto della situazione sulla categoria. Temi centrali la formazione e le nuove tecnologie, il cui intreccio sta segnando un’evoluzione marcata della categoria e delle attività ad essa legate. Evoluzione che vede protagonisti anche i droni.

La figura professionale del Geometra è in continua evoluzione, grazie anche alla profonda trasformazione dell’iter formativo: oggi già 20 università italiane hanno avviato in via sperimentale la laurea triennale per geometri, sostituendo di fatto la tesi finale all’esame di stato. I futuri neo-laureati geometri andranno a sommarsi, con molta probabilità, agli attuali 97mila (10% under 30) per contribuire al trend positivo già in atto dal 2016, dopo anni di forte crisi del settore.

Evolve anche il cliente tipo dei geometri. Non più soltanto famiglie e pubblica amministrazione, anche imprese e l’intera settore dell’edilizia 4.0, le principali realtà associative e ambientaliste e i soggetti coinvolti nei processi di valutazione immobiliare.

E’ in questo scenario che l’attenzione alle nuove tecnologie si fa altissima. L’introduzione del drone come strumento di lavoro del geometra apre a una serie di considerazioni e opportunità da valutare. Riflessioni al centro del convegno promosso da FIAPR, Confabitare, Confamministrare in programma Venerdì 5 Aprile alle ore 9.30 a Dronitaly 2019, al Palazzo delle Stelline di Milano. Il convegno si rivolge, oltre ai geometri, anche agli amministratori di condomini e super condomini, cui si richiede il possesso di un bagaglio tecnico e normativo riferito ai droni, soprattutto alla luce sia delle più recenti disposizioni normative in materia di privacy che del nuovo regolamento europeo destinato ai SAPR.