Diventiamo una nazione (aeronauticamente) normale

2019-07-26T15:03:08+02:00 27 Luglio 2019|

Il Punto

di Sergio Barlocchetti

Il bel lavoro fatto da AOPA Italia a proposito della prima bozza della Circolare Enac ATM-09 (documento consultabile QUI), ma anche quanto spiegato dai bravi Tommaso Codolo e Andrea Fanelli su www.formazionedrone.it, dovrebbe far capire che noi italiani in fatto di aviazione possiamo fare bene, anzi benissimo, se solo abbandoniamo gli atteggiamenti tipici che hanno contraddistinto il settore dell’aviazione dal dopoguerra in poi. Purtroppo, e soprattutto quando a dedicarsi ai SAPR sono ex piloti commerciali, la sindrome del “lei non sa chi sono io” è lungi dall’essere estinta, tuttavia speriamo che quanto ENAC, insieme con AOPA e altre organizzazioni sane sta facendo contribuisca a creare regole facilmente applicabili da tutti.

AREE SORVOLABILI

E parlando di aree sorvolabili, certamente uno dei problemi più noti è la mancanza di un database ufficiale e aggiornato delle piste e dei siti di decollo di ogni tipo di aerodina, rotodina e aerostato sul territorio nazionale. Se seguiamo lAIP, quindi una fonte ufficiale, non la troviamo aggiornata, mentre se seguiamo i vari database amatorial-commerciali, è facile trovarli dettagliatissimi ma non ufficializzati dall’Enac e soprattutto dall’Enav. Circa 15 anni fa, quando chi scrive lavorava per una nota testata d’aviazione, con i colleghi pubblicammo un atlante dell’Italia in volo, ovvero una guida con aeroporti civili e militari, aviosuperfici, campi volo, elisuperfici turistiche e sanitarie, idrosuperfici, decolli per volo libero e campi per aeromodellisti. L’opera era piaciuta al punto da andare esaurita e ancora si trova disponibile presso molti campi di volo e nelle tasche portaoggetti di elicotteri civili e militari. Insomma, nonostante gli anni, pare ancora utilizzatissima. Questa esperienza potrebbe aiutare ENAC a reperire le informazioni e ad aggiornare, ma soprattutto a tenere aggiornato, un database onnicomprensivo. Non è complicato, ai tempi della redazione alla quale facevo riferimento avevamo chiesto semplicemente a ogni federazione di specialità di fornirci il suo database in un formato preciso (coordinate HDMM, caratteristiche, orientamento, superficie e lunghezza della pista, eccetera). Successivamente con un lavoro certosino ma semplice, il compianto pilota mantovano Marco Arfelli aveva messo tutto in un file a disposizione dei piloti di qualsivoglia tipo di aeromobile. Qualcosa della sua opera, a titolo di esempio, si trova ancora qui: https://www.latanadiarf.it/downl/menudown.html

LA PROPOSTA

Ebbene: così come la Federazione Italia Volo a Vela ben conosce i luoghi da dove decollano gli alianti, allo stesso modo la Federazione Aeromodellismo conosce i suoi, e lo stesso vale per l’Aero Club d’Italia per quanto riguarda i suoi club federati. E una volta ottenuta una risposta, è facile chiedere la collaborazione di tutti gli utenti per inviare a un unico destinatario (magari la FIAPR?) ogni aggiornamento con cadenza bimestrale. Ecco quindi che AOPA, FIAPR o qualsiasi altra organizzazione potrebbe assolvere a un compito ufficiale che, apparentemente, ENAV non è ancora organizzata per redigere. E credo anche che una rivista come Dronezine sarebbe contenta di pubblicare la mappa, rendendone possibile il download o ancora meglio, il caricamento diretto nei nostri Gps.

Con questo metto il “Punto” prima delle ferie, non prima però di augurare a tutti relax e divertimento, ovviamente anche giocando o lavorando con il vostro drone. Dimenticavo: alla fine il CTR di Linate è stato sospeso per tre mesi a far data dal 27 luglio. Attenzione, non l’ATZ, che si trasforma in Zona Temporaneamente Segregata come da Notam ENAV.

*Professionista del settore aviazione da 27 anni, ingegnere aerospaziale, giornalista professionista e pilota. Ha ricoperto il ruolo  di Flight Test Engineer e Project Manager in ambito manned e unmanned. Ha fatto parte della redazione del mensile Volare per 18 anni e ha esperienza di pilotaggio su aeromobili leggeri ed executive. Attualmente ricopre l’incarico di direttore tecnico di un’azienda aeronautica internazionale ed è docente di materie tecniche presso la scuola dell’Aeroclub Milano.