Il Punto

BVLOS Made in USA

di Sergio A. Barlocchetti *

La tre giorni di AUVSI 2018 che quest’anno si è svolta a Denver (si sta chiudendo proprio mentre scrivo), nel bellissimo Colorado, è stata ancora una volta una grande presentazione di novità. C’è sempre un motore brushless più potente e leggero di quello che hai trovato qualche mese fa, così come ammiri il data-link più stabile e miniaturizzato che si sia mai visto. Tra tutte però mi ha colpito quanto fatto dalla società PrecisionHawk con il “prodotto”, o meglio il “servizio” basato sull’esito del programma Pathfinder.

In pratica una soluzione chiavi in mano per poter fare attività BVLOS. Il lavoro sul campo è stato condotto in collaborazione con la FAA ipotizzando e delineando casi di conflitti di traffico reali per poter pilotare droni BVLOS. “Il rapporto finale ha determinato che ci sono tre componenti necessari per le operazioni di volo BVLOS: rilevamento, sicurezza e addestramento degli operatori dei droni”, ha affermato Allison Ferguson, direttore del dipartimento di ricerca e sviluppo di  PrecisionHawk, “La tecnologia deve essere integrata per identificare gli aeromobili cooperativi e non cooperativi ai fini del mantenimento delle separazioni; i piloti devono essere a conoscenza delle classi esistenti dello spazio aereo, delle restrizioni temporanee di volo e delle no-fly zone, e i piloti devono ricevere un addestramento specifico per il BVLOS per garantire un ecosistema di sicurezza intorno al volo drone in volo“.

Ad oggi, più di 1.200 domande per svolgere traffico BVLOS sono state presentate alla FAA da operatori di droni commerciali ma il 99% percento di queste non ha dimostrato un livello accettabile di sicurezza. PrecisionHawk ha invece già iniziato a lavorare con i clienti aziendali per integrare le operazioni BVLOS che riguardano applicazioni come l’ispezione delle condotte e il monitoraggio ambientale. “La possibilità di pilotare droni BVLOS rappresenta la prossima grande opportunità per gli operatori di droni commerciali in settori come l’energia, l’agricoltura, le assicurazioni, le costruzioni e i servizi governativi, e con la tecnologia di supporto, l’addestramento corretto e l’hardware affidabile, le operazioni di BVLOS possono essere svolte in modo sicuro” ha detto il CEO di PrecisionHawk, Michael Chasen. A FAA ha comunicato che il soddisfacimento di queste prerogative è essenziale per poter sviluppare letteratura accumulando il monte di ore di volo necessario per dimostrare la sicurezza delle operazioni.

Professionista del settore aviazione da 26 anni, ingegnere aerospaziale, giornalista professionista e pilota. Ha ricoperto il ruolo di Flight Test Engineer in ambito manned e unmanned, di specialista in avionica e radiofrequenza. Ha fatto parte della redazione del mensile Volare per 18 anni e ha esperienza di pilotaggio su aeromobili leggeri ed executive. Attualmente ricopre l’incarico di project manager nella produzione di droni ed è docente di materie tecniche presso la scuola dell’Aero Club Milano.

2018-05-03T09:47:06+00:00 3 maggio 2018|